Biografia

Sono sempre stato una persona curiosa e amante della manualità e non ho mai sopportato le cose che non funzionano bene.

Questa caratteristica mi ha spinto fin da piccolo a smontare e rimontare le cose per farle funzionare meglio e da grande ha fatto scattare la scintilla che mi ha portato a diventare liutaio.

 

Il mio percorso verso la liuteria è molto particolare: dopo la laurea in Ingegneria dei Materiali ho svolto il Dottorato di Ricerca al Politecnico di Milano con una tesi sui materiali funzionali per applicazioni ottiche. Sono stato in seguito assegnista di ricerca per tre anni presso il CNR-Istituto di Fotonica e Nanotecnologie di Padova dove mi sono occupato di materiali per l’ottica adattiva.

Durante questo percorso accademico, l’aspetto scientifico è entrato a far parte della mia strada per la realizzazione di strumenti musicali che funzionassero bene per davvero.

Nel 2019, dopo più di 10 anni di liuteria amatoriale durante i quali ho realizzato diversi strumenti per me, ho finalmente deciso di intraprendere la carriera professionale, iniziando a collaborare con il liutaio Federico Gabrielli, specializzato nella costruzione dei mandolini.

Insieme a Federico Gabrielli e a Claudio Canevari, ricercatore e docente presso la Civica Scuola di Liuteria di Milano, ho condotto con ruolo di project leader un progetto di ricerca riguardante la caratterizzazione del legno di risonanza e i mandolini italiani, finanziato dalla World Wood Day Foundation.

Questo progetto mi ha permesso di approfondire numerosissimi aspetti riguardanti la scelta e la caratterizzazione del legno di risonanza, così come la caratterizzazione di strumenti già esistenti e la progettazione e realizzazione di strumenti innovativi.

Dal 2020 ho iniziato l’attività di liutaio professionista presso il mio laboratorio in Valtellina e sono diventato docente di fisica acustica presso la Civica Scuola di Liuteria di Milano.